Enogastronomia

La Mille Miglia 2017: la corsa più bella del mondo festeggia i 90 anni

aQuest’anno la Mille Miglia, la celebre corsa riservata alle auto storiche, festeggia i 90 anni dalla prima edizione. Era il 26 marzo 1927 quando le prime automobili di già note case automobilistiche – Officine Meccaniche, Lancia, Alfa Romeo e Isotta Fraschini -  partirono per compiere 1.600 chilometri su strade non asfaltate, affrontando nebbia e pioggia. Da allora, con diverse modalità, la corsa si è ripetuta, trasformandosi da competizione sportiva a rievocazione storica. Il suo fascino rimane immutato nel tempo, tanto da attrarre ogni anno molti più aspiranti concorrenti di quanti poi ne vengano ammessi: su 705 domande solo 440 equipaggi parteciperanno all’edizione del 2017. Saranno 82 le case produttrici rappresentate tra cui spiccano Bugatti, OM, Alfa Romeo, Lancia, Maserati, Ferrari, Aston Martin: un elenco di eccellenze motoristiche italiane e straniere ineguagliabile.

Leggi tutto: La Mille Miglia 2017: la corsa più bella del mondo festeggia i 90 anni

Siena presenta: "A spasso tra le ricette senesi"

aIl progetto dedicato ai sapori unisce ai piaceri della buona tavola una sana attività fisica, che fa bene al corpo e all’anima. Un modo originale di vivere e scoprire la città che nasce proprio a Siena, capitale del turismo sostenibile, che ha dato i natali alla Giornata nazionale del Trekking Urbano e dove da oltre mezzo secolo il  centro storico è chiuso al traffico, regalando alla città il primato di prima zona blu d'Europa. A spasso tra le ricette senesi propone otto piatti della tradizione culinaria senese: due antipasti, due primi, due secondi e due dolci raccontati attraverso foto e schede dedicate che raccolgono gli ingredienti della ricetta, le origini, la storia del piatto e le modalità di preparazione della pietanza, unite ai consigli di un nutrizionista.

Leggi tutto: Siena presenta: "A spasso tra le ricette senesi"

Vinitaly: i consumatori chiedono vini di qualità e legati al territorio

aDopo quattro giorni di business e promozione per il mondo vitivinicolo, il 51°Vinitaly si è chiuso a Verona registrando 128mila presenze da 142 nazioni. In crescita l’internazionalità del salone che quest’anno ha visto aumentare i top buyer stranieri accreditati che toccano quota 30.200 (+8% sul 2016), sul totale dei 48mila visitatori esteri. Un risultato ottenuto grazie agli investimenti nell’incoming da parte di Veronafiere, in collaborazione con il ministero dello Sviluppo Economico e ICE-Agenzia. Ma è emerso un dato importante: gli italiani comprano il vino soprattutto nei supermercati. Nel 2016 hanno acquistato sugli scaffali 500 milioni di litri, spendendo 1 miliardo e mezzo di euro. E il 60% di questi acquisti è rappresentato dai vini con riferimento territoriale (Docg, Doc, Igt), il comparto che cresce di più: + 2,7% nel 2016 e + 4,9% nel primo bimestre 2017 (a volume). Si ricercano sempre più la qualità ed i legami col territorio. Cantine e insegne della Grande distribuzione sono pronte a migliorare la collaborazione per soddisfare questa domanda dei consumatori.

Leggi tutto: Vinitaly: i consumatori chiedono vini di qualità e legati al territorio

Da Vinitaly parte la sfida della prossima politica agricola comune

aInaugurato ieri a Verona Vinitaly, il più importante salone italiano sul vino giunto alla 51ª edizione. «Vinitaly ha segnato l’agenda di governo sull’agricoltura del Paese e continuerà a farlo. E come avevo fatto in passato proprio qui, da dove insieme ai vertici di Veronafiere e al mondo agricolo e del vino ci ponemmo il tema del Testo Unico del Vino, della dematerializzazione dei registri digitali, del piano sull’internazionalizzazione e dell’agenda digitale, oggi mi prendo l’impegno, annunciando che entro la fine di luglio avremo la prima bozza del testo del Codice agricolo unico».

Leggi tutto: Da Vinitaly parte la sfida della prossima politica agricola comune

Festa del gusto in Carnia. Protagonista il salame, re della tavola

aE’ il salame il re della tavola in Carnia, aspra e incontaminata terra friulana di monti e vallate, dove il maiale (di cui non si buttava via niente) aveva un ruolo di assoluto rilievo nell’economia contadina di un tempo e, con i prelibati salumi ricavati dalle sue carni, ha oggi un posto in primo piano nella gastronomia. Antica e sapiente, l’attività dei norcini si è tramandata da generazione a generazione e costituisce un vanto della Carnia, dove sono attive macellerie e piccoli laboratori artigianali che producono salumi di assoluta qualità.

Ai suoi salumi la Carnia dedicherà domenica 5 marzo un’animata festa del gusto: “Fums, profums, salums”, che avrà come cornice il caratteristico borgo Sutrio, ai piedi dello Zoncolan. Il paese si trasformerà invero e proprio laboratorio di sapori e profumi, dove si vedranno all’opera i norcini, si scopriranno i molti salumi e insaccati tipici di questa terra, si confronteranno le diverse ricette con cui vengono preparati.

Leggi tutto: Festa del gusto in Carnia. Protagonista il salame, re della tavola

Pagina 3 di 6

Leggi online le news sul web: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità! 

a

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine