Enogastronomia

Salsamentarie. Sapori e saperi bolognesi

aNelle giornate di sabato 24 e domenica 25 settembre 2016, Bologna rafforzerà ancora una volta la propria nomea di città del buon mangiare e del “bien vivre” grazie all’evento “SALSAMENTARIE – Sapori e saperi a Palazzo”, che prenderà vita nella centralissima sededi Palazzo Re Enzo: tutto è pronto per consegnare alla città una due giorni che coniuga buon mangiare e divertimento, partendo dal cibo e dal gusto della buona tavola, per arrivare alla voglia di far festa, passando attraverso il ballo e il divertimento.

L’evento, organizzato e coordinato da Degusta®, si colloca all’interno del cartellone di iniziative che celebrano il 140° anniversario della “Società di Mutuo Soccorso Salsamentari 1876”, composta da negozianti, artigiani e commercianti i quali, freschi d’anniversario, con questa iniziativa, intendono mostrare alla città e ai visitatori di ogni dove, l’importanza e il valore dell’arte della salumeria che, proprio a Bologna, vanta storia e tradizioni antichissime.

Palazzo Re Enzo diverrà quindi un genius loci enogastronomico con un’offerta tutta da scoprire: al piano terra streetfood con cibo “pret a manger”; nella Sala degli Atti, la mostra mercato dei prodotti tipici e specialità gastronomiche mentre, al piano superiore, nella Sala Re Enzo, i visitatori possono trovare i banchi d’assaggio vini gestiti da Fisar, i corsi di cucina e gastronomia a cura di “A Scuola di Gusto” e il ristorantino “La Baita”, occasione più unica che rara per poter pranzare o cenare a lume di candela nella splendida cornice del Palazzo medievale. Nel loggiato, grazie allo staff del Coco’a Bistrot e Palazzo Gnudi,  divertimento con musica e DJ set fino a tardi.

aCompletano l’offerta di questo week end goloso due eventi speciali patrocinati dal salumificio Villani Spa: Sabato, in via Rizzoli, alle 15,30 andrà in scena il “Gran Ballo Ottocentesco” con cento danzatori della “Società di Danza”, in abito ottocentesco, che si esibiranno sulle più famose musiche dell’epoca (per l’occasione sarà allestita anche una mostra con la storia della Salsamentari e un punto panini con vera “rosetta alla mortadella”). Domenica, alle ore 15,00 le scuole di ballo Emporio Danza e Ballo Allegria, all’interno di palazzo Re Enzo, nel gran salone del Podestà, daranno vita al Filuzzi Festival, un momento dedicato alla musica bolognese con l’orchestra Andrea Scala e l’ospite speciale Cristina Cremonini. Ulteriore divertimento sarà evidenziato dall’abilità del testimonial, Giorgio Comaschi, conduttore di entrambe le manifestazioni e testimonial dell’evento.

Saranno l’Istituto alberghiero “Scappi” di Casalecchio di Reno e la scuola di formazione “Fomal” a coordinare le attività di ristorazione e servizi necessarie per questa kermesse, che si candida con orgoglio a diventare il più importante evento enogastronomico bolognese.

Sul sito ufficiale della manifestazione è possibile conoscere tutte le opportunità riservate ai visitatori e tutte le informazioni utili per partecipare all’evento, ivi compreso la possibilità di iscriversi ai corsi di cucina di “A Scuola di Gusto” o prenotare per il “Ristorantino La Baita”.

 

Info: www.salsamentarie.it

A Cesenatico il Festival della cucina italiana

aIl Festival della Cucina Italiana giunto alla 16ª edizione è uno degli appuntamenti enogastronomici più rilevanti che raccoglie il meglio del cibo e del vino. Una delle sue caratteristiche è l’essere itinerante: negli anni scorsi si è svolto nella città del Tartufo Bianco Pregiato di Pergola, all’Isola d’Elba, a Londra, a Piobbico, a San Benedetto del Tronto, a San Patrignano, a Rimini, a Bologna. Il Festival ha sempre attirato l’attenzione di pubblico, televisioni e giornalisti, e dei più importanti chef italiani, cantine eccellenti, buyers esteri. Orari:venerdì 23 dalle 17 alle 24 e sabato e domenica dalle 12 alle 24. Ingresso Gratuito.

Leggi tutto: A Cesenatico il Festival della cucina italiana

Oltre sei viaggiatori su dieci vanno sui social prima, durante o dopo un viaggio

aTraggono ispirazione, cercano informazioni, usano app, condividono l’esperienza e pubblicano recensioni, oppure vengono contattati per condividere e recensire l’esperienza. Un dato destinato a crescere, che s’accosta ad un 21% di viaggiatori digitali che comunque guarda alla consulenza dell’agenzia viaggi per ‘sentirsi sicuro’.

Risulta evidente la progressiva digitalizzazione delle varie fasi che interessano il viaggio. Una conseguenza di quel 20% di transazioni turistiche online che lo scorso anno l'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano comunicò a TTG Incontri.

A TTG INCONTRI di Rimini Fiera – dal 13 al 15 ottobre prossimi – sarà presentata la terza edizione dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano. Al salone B2B sul turismo più importante d’Italia verranno forniti i dati in anteprima sui comportamenti online e la definizione degli scenari futuri.

Leggi tutto: Oltre sei viaggiatori su dieci vanno sui social prima, durante o dopo un viaggio

Dalla terra al canederlo: l’autenticità in autunno della Valle Isarco

aUna tavolata di 400 metri nel cuore della cittadina storica di Vipiteno, con la possibilità di scegliere fra 70 tipi di canederli diversi, i famosi Knödel simbolo dell’Alto Adige, come i canederli tradizionali allo speck, i canederli di magro, poi quelli al fegato, al pane nero, agli spinaci, alle rape rosse e così via, fino ai canederli dolci in numerose varianti. Con un contorno di pregevoli esibizioni di artisti e gruppi musicali di musica popolare o classica. E’ davvero una festa da Guinness la Sagra dei Canederli che si tiene domenica 11 settembre 2016 lungo le vie di Città Nuova e Città Vecchia e in Piazza Città, a Vipiteno, ‘capitale’ dell’Alta Valle Isarco, a cura dell‘Associazione Turistica locale e dei ristoratori aderenti.

Leggi tutto: Dalla terra al canederlo: l’autenticità in autunno della Valle Isarco

Troppo sale negli alimenti italiani. In Umbria nasce la salsiccia del benessere

sGli italiani consumano troppo sale con conseguente aumento della pressione arteriosa, principale causa di infarto, ictus e altre patologie. Per favorire la riduzione del consumo di sale l’Umbria si orienta verso la produzione di salumi a basso contenuto di sale e non solo. Per far fronte ai pericoli dell’eccessivo consumo di sale e dimostrare che è possibile coniugare gusto e salute, dall’Umbria è partito il progetto della “salsiccia del ben..essere!!”, un’iniziativa realizzata nell’ambito del programma di studio ed educazione alimentare “Città del ben…essere!!”, nato a Gubbio dalla collaborazione della Usl Umbria 1 con il Centro Studi Nutrizione Umana (Ce.S.N.U) con il patrocinio dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI).

 

Leggi tutto: Troppo sale negli alimenti italiani. In Umbria nasce la salsiccia del benessere

Pagina 8 di 15

Leggi online le news sul web: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità! 

a

 

 s

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine