Enogastronomia

Agroalimentare d’eccellenza e Olio extravergine di qualità a Sol&Agrifood

aAl Salone internazionale di Veronafiere, Sol&Agrifood in programma dal 10 al 13 aprile 2016 è diventato l’appuntamento di riferimento internazionale degli operatori del food alla ricerca di nicchie produttive di eccellenza, fatte di proposte tradizionali o innovative, ma comunque capaci di rispondere a richieste di fasce di mercato sempre più esigenti e sfaccettate. I prodotti maggiormente rappresentati sono l’olio extravergine di oliva, paste e prodotti da forno, birre artigianali, formaggi, cioccolata, caffè, conserve e condimenti, salumi, ma in Sol&Agrifood rientrano tutte le merceologie agroalimentari e ortofrutticole. Diversa da una semplice fiera espositiva, la Rassegna Internazionale dell’Agroalimentare di Qualità è un luogo dove il marketing si fa dando ai buyer l’opportunità di sperimentare l’uso dei prodotti, con cooking show, educational e degustazioni guidate, e i cuochi vanno a lezione. L’obiettivo è quello di fare cultura, teorica e pratica, perché le differenze tra le eccellenze presenti e i prodotti industriali devono essere capite e apprezzate.

Leggi tutto: Agroalimentare d’eccellenza e Olio extravergine di qualità a Sol&Agrifood

Vinitaly compie 50 anni e presenta la sua “road map” per il futuro del vino

aOltre al record storico con più di 4.100 espositori ed oltre 100mila metri quadrati espositivi netti,  Vinitaly lancia, in occasione della presentazione della 50a edizione a Verona, dal 10 al 13 aprile, la “road map” per affermare la propria leadership anche nei prossimi decenni. Nel 2015 l’export vinicolo italiano ha superato i 5,4 miliardi di euro, in crescita del 5,4% sul 2014 e questo rappresenta un nuovo traguardo per il comparto, da mantenere e consolidare in vista dell’obiettivo dei 7,5 miliardi di euro di esportazioni nel 2020, come indicato dal Premier Renzi in occasione di Vinitaly 2014. «Per raggiungere questo risultato – ha spiegato  Maurizio Danese, presidente di Veronafiere – è necessario che tutti gli attori agiscano in una logica di rete. La stessa che Veronafiere ha costruito negli anni a servizio del business internazionale e che ha portato il Governo italiano a riconoscere in Vinitaly una piattaforma b2b strategica per il comparto vinicolo nazionale, attraverso il suo inserimento nel Piano di promozione straordinaria del made in Italy».

Leggi tutto: Vinitaly compie 50 anni e presenta la sua “road map” per il futuro del vino

La storia del Cognac di qualità nasce nella Charente con la Maison Hine

aMarie Emmanuelle Febvret, Brand Ambassador di Hine è stata per la prima volta a Bologna per presentare alla stampa, ad invitati privilegiati, ai rappresentanti e ai managers di Rinaldi Importatori che distribuisce la Maison nel nostro paese, la linea di Cognac di una delle più antiche aziende che lo producono. Hine proviene dalla zona localizzata nella Charentes nell’Ovest della Francia ubicata a nord di Bordeaux. Per il Cognac il cuore della AOP è divisa in 2 parti, denominata Piccola e Grande campagna così battezzata 2500 anni fa dai Romani. Ci sono 6 sottozone nel Cognac e si fanno assemblaggi per amalgamare i sei vini delle sei sottozone. Le due regioni centrali ovvero la Grand e la Petit Champagne sono le più vocate per la composizione calcarea del terreno.  L'Uniblon è l’uva impiegata e la sua caratteristica di essere neutra, molto acida ma molto resistente è fondamentale per le due distillazioni che fa Hine e per l'invecchiamento in legno che non deve esser molto presente, le botti devono avere una tostatura bassa e molto fine per non sovrastare le note del prodotto.

Leggi tutto: La storia del Cognac di qualità nasce nella Charente con la Maison Hine

Crescita lenta per l' enoturismo: verso i 12 milioni di arrivi sulle Strade del Vino

aAlla Bit 2016 di Milano è stato presentato il XII Rapporto sul Turismo del Vino e le Città del Vino insieme a Movimento Turismo del Vino hanno firmato un protocollo d’intesa per azioni e strategie condivise che consentirà loro di intervenire su vari aspetti che riguardano lo sviluppo dell’enoturismo. Oltre 2,5 miliardi di euro è attualmente la spesa dei turisti del vino in Italia, ma il settore soffre di alcuni problemi: la qualità dell’offerta e dei servizi sul territorio e nelle cantine sono disomogenei e non sempre adeguati, la carenza di progetti e finanziamenti quadro, la formazione professionale e la promozione spesso inefficaci. Le difficoltà dei piccoli Comuni e le occasioni mancate, come l’Expo troppo “milanocentrica” che non ha portato benefici, né visite e visibilità a oltre “8 cantine su 10”.

Leggi tutto: Crescita lenta per l' enoturismo: verso i 12 milioni di arrivi sulle Strade del Vino

Sempre più proiettata all'export la vetrina di Tipicità

aIn un’affollata platea di giornalisti ed operatori, intervenuti al debutto internazionale di Tipicità 2016 nell’ambito della BIT-Borsa Internazionale del Turismo, era presente anche Riccardo Venchiarutti, popolare volto RAI, che ci aggiorna quotidianamente dalla Borsa di Milano. In questo contesto, Angelo Serri, direttore di Tipicità, ha affermato che: “dal 5 al 7 marzo, la tre giorni marchigiana si sostanzierà in un coinvolgente “laboratorio” realizzato per vivere insieme l’esperienza di un futuro prossimo, fatto di cose buone, progetti sostenibili, ambiente sano e confronti tra culture”.

Leggi tutto: Sempre più proiettata all'export la vetrina di Tipicità

Pagina 10 di 15

Leggi online il nuovo web, ricco di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità!

a

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine