Mare / sea

Ecoturismo: ecco il Brasile sostenibile

cScoprire il mondo senza danneggiarlo, “ecoturismo” indica una forma di turismo basato sull’amore e il rispetto della natura. La motivazione più grande dell’ecoturista è l’osservazione e l’apprezzamento della natura e delle tradizioni culturali dei popoli che la abitano. L’anima sostenibile ed ecoturistica del Brasile è riscontrabile anche nei 5 differenti biomi, nei quali si trovano svariati tipi di paesaggi, vegetazione e clima. Oltre ad avere la foresta più grande del mondo – l’Amazzonia – il Paese è formato da montagne, spiagge, fiumi, cascate, dune, insenaturre, stagni, caverne, catene montuose e altipiani.

Leggi tutto: Ecoturismo: ecco il Brasile sostenibile

Svago e bel tempo in Spagna, Paese dalle spiagge pulite

bLa Spagna è uno dei paesi con le migliori spiagge del mondo. Non a caso anno dopo anno è leader nella classifica delle Bandiere Blu in Europa con 578 spiagge. Sulle coste spagnole si trovano tante destinazioni diverse per godere del mare, da grandi città costiere a paesini marinari ricchi di fascino. Di seguito ve ne sveliamo alcune.

Puerto de la cruz

Situata a nord di Tenerife, Puerto de la Cruz è uno dei centri turistici più importanti dell’isola. Tradizionale località di relax, la città dispone di una vasta infrastruttura alberghiera comprendente numerosi hotel e vari complessi residenziali. La zona costiera offre le attrazioni più interessanti, come il molo vecchio, il lungomare o il Lago Martiánez, un insieme di piscine progettate dall’architetto César Manrique, originario delle Canarie.

Leggi tutto: Svago e bel tempo in Spagna, Paese dalle spiagge pulite

A Naxos la ceramica del passato è interpretata oggi da Fish&Olive

nTra le innumerevoli isole dell’arcipelago delle Cicladi Naxos è una delle maggiori, non soltanto per la sua dimensione ma soprattutto per la sua storia, fatta di racconti e tesori nascosti. Così, alla ricerca della storia, la visita tra colline, monti e vedute panoramiche sull’arcipelago, all’interno dell’isola tra uliveti millenari e borghi recuperati miracolosamente assieme alle attività di tempi lontani, nel villaggio di Halki ecco che tra le molte botteghe che si rifanno ai prodotti del passato, appare il prezioso atelier di ceramiche. L’artista della ceramicaKatharina Bolesch e l’orafo e designer di gioielli Alexander Reichardt vivono e lavorano ad Halki, dove il loro laboratorio, la galleria e la boutique Fish & Olive Art of the Aegean operano congiuntamente con la denominazione internazionale Fish & OliveHalki si trova nel cuore di Naxos, nella regione della Tragaea, una zona nota anche con l’antico nome greco di Drimalias, la «foresta degli olivi». L’olivo è un importante simbolo non solo nella tradizione naxiana, ma nell’intero bacino mediterraneo, ed è proprio l’olivo che insieme al pesce, l’altro grande simbolo mediterraneo, ispira il lavoro della Bolesch e di Reichardt.

 

Leggi tutto: A Naxos la ceramica del passato è interpretata oggi da Fish&Olive

Eritrea, l’incanto marino delle ‘isole Dahlak’

eNon sono in molti a concepire l’Eritrea come meta turistica, e tra questi non rientrano i tour operator italiani. Colpa di una scarsa conoscenza del paese e delle sue molteplici valenze, anche turistiche, ingiustificata nei confronti di una nazione che per oltre mezzo secolo è stata la prima e la più importante colonia italiana e che ancora oggi mantiene le maggiori testimonianze della nostra presenza, ma soprattutto della trentennale eroica e sanguinosa guerra di liberazione dall’Etiopia che l’ha resa inaccessibile per lungo tempo, con uno strascico di tensioni di confine ancora perdurante e che solo la presenza di truppe Onu evita di trasformare in un nuovo conflitto. Un vero peccato perché l’Eritrea, grande un terzo dell’Italia e stato autonomo soltanto dal 1993, ha parecchio da offrire. 

 

Leggi tutto: Eritrea, l’incanto marino delle ‘isole Dahlak’

Baja California messicana, paradiso dei surfisti e delle balene

b

Al contrario del nome Baja California, non è una baia marina e la California statunitense c’entra quasi nulla, trovandosi in territorio messicano. La Bassa California è invece una penisola lunga 1.200 chilometri, ma larga solo tra 45 e 168, che separa la costa occidentale del Messico dall’oceano Pacifico mediante lo stretto Mare di Cortès o golfo di California. Questa lunga e stretta striscia di terra offre un paesaggio assai vario: una spina dorsale montuosa le Sierre, profondi canyon, antichi vulcani, un enorme deserto sabbioso e roccioso che ospita la maggiore e più spettacolare concentrazione di cactus e piante grasse del pianeta, ma anche oasi con palme da dattero, agrumeti. 

Leggi tutto: Baja California messicana, paradiso dei surfisti e delle balene

Leggi online le news sul web: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità! 

a

 

 s

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine