Eritrea, l’incanto marino delle ‘isole Dahlak’

eNon sono in molti a concepire l’Eritrea come meta turistica, e tra questi non rientrano i tour operator italiani. Colpa di una scarsa conoscenza del paese e delle sue molteplici valenze, anche turistiche, ingiustificata nei confronti di una nazione che per oltre mezzo secolo è stata la prima e la più importante colonia italiana e che ancora oggi mantiene le maggiori testimonianze della nostra presenza, ma soprattutto della trentennale eroica e sanguinosa guerra di liberazione dall’Etiopia che l’ha resa inaccessibile per lungo tempo, con uno strascico di tensioni di confine ancora perdurante e che solo la presenza di truppe Onu evita di trasformare in un nuovo conflitto. Un vero peccato perché l’Eritrea, grande un terzo dell’Italia e stato autonomo soltanto dal 1993, ha parecchio da offrire. 

 

Si parte da un’estrema varietà geografica, ambientale e climatica, capace di spaziare dall’infuocato deserto di lava e di sale della Dancalia, uno dei luoghi più caldi e inospitali del pianeta, alla fresca eterna primavera degli altopiani sull’acrocoro centrale con le sue caratteristiche montagne piatte, le ambe, dall’arida steppa alle foreste di tipo alpino, dalle calde coste occidentali del Mar Rosso, esuberanti di vita subacquea, fino a montagne alte oltre 2.500 metri. Alla varietà ambientale corrisponde una notevole ricchezza etnografica, con ben nove diverse etnie, ciascuna con propria lingua, religione, costumi e tradizioni. E che dire degli 8 mila siti archeologici censiti, anche se parecchi ancora da scavare, dove si spazia dalla preistoria alla civiltà axumita ed ai monasteri copti con i loro tesori nascosti tra le montagne. Due apprezzabili perle sono poi costituite dalle principali città: la capitale Asmara, elegante e tranquilla fondata nel 1889 dagli italiani sull’altipiano a 2.300 m, che conserva nell’architettura, nella toponomastica e nelle abitudini una chiara impronta coloniale italiana, tanto da sembrare il set di un film di Fellini, e la torrida città portuale di Massawa, dalla netta impronta arabo-moresca, i cui bei monumenti arabi, turchi e italiani sono stati purtroppo sistematicamente distrutti dai bombardamenti etiopi. Straordinaria per il panorama e mozzafiato per il percorso la strada che collega queste due città, capace di superare in 115 chilometri un dislivello di 2.300 metri con arditissime soluzioni di ingegneria.

e

Comunque il vero gioiello naturalistico di questa nazione del Corno d’Africa è costituito dall’arcipelago delle Dahlak, oltre 200 tra isole e isolette al largo di Massawa che sembrano un tratto di deserto affiorante tra le acque del Mar Rosso, il mare più caldo e con il più ricco ecosistema della terra. La maggior parte sono soltanto minuscoli banchi corallini fossili aridi e spogli, alti pochi metri e inferiori al chilometro quadrato di superficie, senza nome e con belle spiagge coralline deserte, luogo ideale di nidificazione per tartarughe e per milioni di uccelli. Solo quattro sono abitate da miseri villaggi di pescatori e solo qualcuna presenta una struttura vulcanica, con modesti rilievi. 

L’isola maggiore è Dahlak Kebir, grande cinque volte l’Elba, e ospita l’unico albergo; fu abitata da sempre da popolazioni arabe per la presenza di acqua, raccolta in 365 cisterne; offre un po’ di vegetazione, capre e dromedari al pascolo, diversi villaggi, un cimitero storico musulmano e i resti di un penitenziario italiano; fu base aerea e navale etiope e russa durante la guerra etiope-eritrea.

La povertà ambientale delle isole contrasta con la straordinaria ricchezza marina, formata da reef corallini e scogliere di madrepore poco profondi e intatti, capaci di ospitare tremila specie viventi, 350 di coralli e oltre mille pesci diversi coloratissimi, un quinto dei quali endemici, da delfini, razze e mante a squali e ai rarissimi dugonghi, le sirene del mito, a formare il più incredibile degli acquari naturali, poco frequentato per la guerra prima e la mancanza di strutture turistiche ora. Un vero paradiso sub, dove già nel 1952 Folco Quilici vi girò il lungometraggio Sesto Continente, tuttavia destinato a durare come tale ancora per poco.

 e

L’operatore milanese “I Viaggi di Maurizio Levi” è tra ipochissimi a proporre nel proprio catalogo “Alla scoperta dell’insolito” un viaggio di 11 giorni in Eritrea, che prevede la visita di Asmara e Massawa e 4 giorni di navigazione in motoryacht nell’arcipelago delle Dahlak.

Partenze mensili per piccoli gruppi con voli di linea Turkish Airlines da Milano (e altri aeroporti) da novembre ad aprile 2015, pernottamenti in alberghi di buon livello e tenda su spiagge deserte con pensione completa, accompagnatore italiano, quote da 2.380 in doppia.

 

Info: tel. 02.34934528 - www.viaggilevi.com

 

E' online il nuovo web, pieno di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità! Leggi l'ALBERGO

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

 

 

 

Joomla templates by Joomlashine