Itinerari Italiani

Oasi Zegna: una storia d’impegno civile e sostenibilità

hConviene cominciare da qui, da un uomo di fine Ottocento e da una montagna brulla. L’uomo è Ermenegildo, Ermenegildo Zegna (1892-1966). Suo padre, orologiaio, lo chiamò, in giovanissima età, a collaborare con sé in un’attività che aveva avviato nel settore della tessitura. Scomparso il padre, Ermenegildo si trovò, appena trentenne, alla guida di un lanificio che produceva drapperia di alta qualità e lo portò rapidamente al successo. Di lì in poi fu un crescendo continuo. Chi, dopo di lui, ha preso, come si dice, le redini, ha saputo valorizzare il patrimonio ricevuto, mantenendolo sempre ai massimi livelli e al passo coi tempi, sicché oggi, nel mondo, quel nome e cognome, divenuti celebre marchio, contribuiscono, e molto, a far ben figurare il nome dell’Italia. Sul finire degli anni Venti del secolo scorso, intanto che l’Azienda prosperava, maturò nell’ancor giovane imprenditore quello che non poteva non essere un germe già presente in lui: la filantropia. Germe trasmesso ai suoi discendenti, di generazione in generazione.  

Leggi tutto: Oasi Zegna: una storia d’impegno civile e sostenibilità

Varese 4U: la città lombarda oggi si propone con i suoi 4 siti

hSe tracciate idealmente, su di un cartina geografica, anche se le cartine non si “pasticciano”, una circonferenza con centro Varese e raggio 10 km, la sorpresa sarà che nel cerchio troverete ben 4 siti facenti parte del “Patrimonio dell’Umanità”: l’UNESCO infatti ha loro attribuito il prestigioso riconoscimento dato l’altissimo valore di ciascuno. L’area identificata è un florido ed esteso polmone di verde, punteggiato di giardini e ville, a cominciare dal capoluogo, Varese, che nel suo modernizzarsi non ha perso il tratto nobile ed elegante, lo stile, che la distinse allorché una società aristocratica la scelse per dimora o per villeggiatura. Fu poi anche un riferimento, e lo è tuttora, per il turismo internazionale.

Leggi tutto: Varese 4U: la città lombarda oggi si propone con i suoi 4 siti

Bike Days: la nuova oasi per gli appassionati delle due ruote

fFamoso a livello internazionale soprattutto per il carosello sciistico invernale, il comprensorio Pontedilegno-Tonale d’estate cambia pelle e diventa il luogo ideale per chi ama la bicicletta. Tolti gli sci, si monta in sella e si resta in pista per una vacanza su due ruote che qui trova molteplici declinazioni, in base alla tipologia di biker. Dalle discese adrenaliniche del Bike Park ai 500 km di sentieri per le ruote grasse, alle salite del Giro d’Italia, alle ciclabili per tutta la famiglia, così il  Pontedilegno-Tonale è un Bike Resort a 360°. Proprio per dare voce alla forte vocazione di questo territorio per la bicicletta, il Consorzio Adamello Ski ha voluto realizzare un sito web ad hoc che vogliamo presentarvi oggi in anteprima e che si pone come il punto di riferimento per gli appassionati di bike che vogliono organizzare una vacanza nella Bike Resort Pontedilegno-Tonale.

Leggi tutto: Bike Days: la nuova oasi per gli appassionati delle due ruote

Alla scoperta della Provincia di Pesaro - Urbino

fLa scorsa settimana, a Milano, città sempre più finestra aperta sull’Europa, la provincia di Pesaro - Urbino ha presentato se stessa in una prospettiva turistico-culturale, i suoi tesori, la sua identità, la sua bellezza. Con parole, con immagini, con entusiasmo, con amore. Ed è stato un bel racconto quello di una terra, la più settentrionale delle Marche (ora unica regione italiana al plurale, ma non è lontana dall’eco di altre pluralità, ora desuete, quali Abruzzi e Puglie), che possiede un patrimonio i cui dati salienti sono due, intrisi l’uno dell’altro, il valore e l’esser composito. Emerge così come, su di un’area di 2.500 kmq. (per capirsi in un flash 50x50 km.), 360.000 abitanti (densità 141 ab/Kmq.), coesistano, dalla linea di costa all’Appennino, in una sorta di preziosa sintesi, con natura-arte-cultura di assoluto risalto. Verrebbe da dire: “ancora una volta” poiché quel nome, “Marche”, evoca qualcosa di unificante tra realtà diverse, i marchesati appunto, confinanti tra loro ma con tante affinità, per morfologia del territorio, per carattere della gente, per tipologia dei borghi, per saperi e sapori, per capacità di fare impresa. E non solo.

Leggi tutto: Alla scoperta della Provincia di Pesaro - Urbino

Borghi e mercato cinese protagonisti alla Borsa delle Città d’Arte

a

All’interno del programma della XXIª edizione della Borsa del turismo delle cento città d’arte d’Italia, si sono tenuti alcuni appuntamenti seminariali di rilievo a Bologna. Il primo dedicato all’Anno dei Borghi inaugurato ufficialmente dal Ministro Dario Franceschini lo scorso febbraio; il secondo, dedicato alle potenzialità del mercato turistico cinese e alle regole per sviluppare un sistema di accoglienza adeguato, svoltosi a Palazzo Isolani. Il terzo appuntamento, dedicato alla situazione e alle prospettive delle professioni turistiche. Vogliamo riprendere la ricerca sulle 'città d'arte' dell'Emilia-Romagna con la sintesi curata da CST che fa il punto sui risultati positivi ottenuti lo scorso anno. Un incremento del +9,9% negli arrivi (pari a 256mila arrivi) e del +13,3% nelle presenze (pari a 664mila pernottamenti), 2,8 milioni di arrivi complessivi e oltre 5,6 milioni di presenze totali e un incremento sia della componente nazionale (+10,9 negli arrivi, +13,7 nelle presenze) che di quella estera (+8,4% negli arrivi, +12,8% nelle presenze).

Leggi tutto: Borghi e mercato cinese protagonisti alla Borsa delle Città d’Arte

Pagina 1 di 7

Leggi online il nuovo web, ricco di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità!

a

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine