Borghi e mercato cinese protagonisti alla Borsa delle Città d’Arte

a

All’interno del programma della XXIª edizione della Borsa del turismo delle cento città d’arte d’Italia, si sono tenuti alcuni appuntamenti seminariali di rilievo a Bologna. Il primo dedicato all’Anno dei Borghi inaugurato ufficialmente dal Ministro Dario Franceschini lo scorso febbraio; il secondo, dedicato alle potenzialità del mercato turistico cinese e alle regole per sviluppare un sistema di accoglienza adeguato, svoltosi a Palazzo Isolani. Il terzo appuntamento, dedicato alla situazione e alle prospettive delle professioni turistiche. Vogliamo riprendere la ricerca sulle 'città d'arte' dell'Emilia-Romagna con la sintesi curata da CST che fa il punto sui risultati positivi ottenuti lo scorso anno. Un incremento del +9,9% negli arrivi (pari a 256mila arrivi) e del +13,3% nelle presenze (pari a 664mila pernottamenti), 2,8 milioni di arrivi complessivi e oltre 5,6 milioni di presenze totali e un incremento sia della componente nazionale (+10,9 negli arrivi, +13,7 nelle presenze) che di quella estera (+8,4% negli arrivi, +12,8% nelle presenze).

E’ il bilancio 2016 delle Città d’Arte dell’Emilia Romagna secondo l’indagine del Centro Studi Turistici (CST) di Firenze per conto di Confesercenti Regionale, che conferma il trend positivo che ha visto le Città d’Arte dell’Emilia Romagna registrare una crescita costante di turisti dal 2012.

b«Gli ottimi risultati realizzati nel 2016 nell’ambito del turismo delle Città d’Arte in Emilia Romagna e a livello nazionale – sostiene Stefano Bollettinari, direttore di Confesercenti regionale – ci devono indurre a continuare a investire sulla promocommercializzazione di questo prodotto turistico che ha ancora ottime potenzialità di crescita, come nel caso dei “Borghi italiani” celebrati quest’anno come autentica risorsa identitaria del nostro Paese. L’entrata a regime, nel corso del 2017, della nuova Legge Regionale che ha istituito le “Destinazioni turistiche” potrà fornire un ulteriore impulso anche allo sviluppo del turismo culturale dell’Emilia Romagna, particolarmente importante anche per aumentare il tasso di internazionalizzazione del settore nella nostra Regione».

Cresce in tutte le Città d’Arte emiliano romagnole la domanda interna, con il turismo nazionale primo mercato ovunque, mentre quella dall’estero fa registrare incrementi significativi a Bologna (+19%) e Modena (+22,9%). A Bologna il peso delle presenze straniere (49,9%) ha ormai raggiunto quello dei turisti italiani. In relazione alla ricettività (che per quanto concerne le Città d’Arte emiliano romagnole consta complessivamente di 1.911 esercizi, per circa 43mila posti letto), il 2016 si è chiuso positivamente sia per gli esercizi alberghieri (+12% di presenze) che per quelli extralberghieri (+21,2%), con un tasso di occupazione camere medio in crescita di 3,5 punti percentuali. Positivi anche i dati relativi ai visitatori dei musei statali, che hanno chiuso l’anno con un incremento di ingressi del +3,4% (pari a 24mila persone in più), per un totale di circa 735mila visite.

Nei 140 borghi dell’Emilia Romagna (identificati in base ad una popolazione inferiore alle 5.000 unità) si sono registrati 267mila arrivi e 776mila presenze, in prevalenza turisti italiani (84,2% degli arrivi e 83,1% delle presenze), con un permanenza media di 2,9 notti.

Info: http://www.iniziativeturistiche.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

Leggi online il nuovo web, ricco di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità!

a

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine