Città d'arte / city of art

Mantova: non solo ‘Camera degli Sposi’

f

È bellissima, giustamente meta degli appassionati d’arte e ricca di significati affascinanti anche per chi arte ne mastica poca, ma cerca significati che trascendono la purezza formale di quanto l’abile mano del Mantegna ha saputo raffigurare sulle pareti e sul soffitto della camera destinata ad accogliere Ludovico III Gonzaga e Barbara di BrandeburgoÈ la Camera degli Sposi (detta anche Camera Picta) dipinta dal Mantegna nella seconda metà del 1400 e giudicata da esperti e storici dell’arte un esempio del gusto decorativo rinascimentale. I suoi affreschi sono anche cronaca di un evento politicamente importante come un matrimonio la cui finalità era suggellare o consolidare alleanze tra casate e uno sguardo attento sulla società del tempo: la collocazione e l’abito di ciascun personaggio non sono casuali, ma rispondono a precise regole e gerarchie. 

Leggi tutto: Mantova: non solo ‘Camera degli Sposi’

Mantova: una città che sorge dall'acqua

mI laghi che circondano Mantova le danno una caratteristica di sogno: la città appare al viaggiatore all’improvviso quasi sorgesse dall’acqua, come un castello delle favole specialmente quando una lieve nebbia ne sfuma i contorni. Per gustare la città dei Gonzaga - che come tutte le prelibatezze non è per palati frettolosi - la via maestra è iniziare fissando nel ricordo l’indimenticabile spettacolo offerto a chi si avvicina nell’imbrunire dalla città che si specchia nelle acque illuminata dai raggi radenti del sole: un’immagine che da sola ne giustifica l’inserimento (insieme a Sabbioneta) da parte dell’Unesco nella lista dei siti Patrimonio Mondiale dell’UmanitàDeve essere stata una visione di rara suggestione e fascino vedere per diversi giorni nella prima metà del febbraio 2012 dopo tanti anni i laghi nuovamente ghiacciati e la città specchiarvisi in tutta la sua bellezza. 

Leggi tutto: Mantova: una città che sorge dall'acqua

Bergamo, un piccolo grande scrigno

  

bLe Esposizioni Universali sono un evento raro nella storia e nel costume di una Nazione, per questo devono lasciare un segno indelebile a memoria degli sforzi umani, intellettuali ed economici compiuti per realizzarle: sarebbe splendido che anche per Milano accadesse quanto avvenuto a Parigi con la Torre Eiffel, nata come simbolo dell’Esposizione del 1889 e divenuta emblema della città. Esistono, però, fondati dubbi che ‘L’albero della Vita’ possa avere lo stesso destino della mitica struttura parigina. Sarebbe peraltro un grande risultato (indipendentemente da quello economico della manifestazione) e un modo per ricordare nei decenni l’evento se l’area dove sorgono i magnifici padiglioni delle diverse Nazioni divenisse sede di qualificate realtà al servizio dei cittadini non solo milanesi. Expo 2015, infatti, non può e non deve limitarsi a diffondere i suoi effetti benefici su Milano poiché il suo richiamo internazionale è un’occasione unica per far conoscere quelle realtà del nostro Paese ricche di arte, cultura, storia e tradizioni che non hanno ancora la popolarità che meritano. Expo con milioni di visitatori che non possono limitarsi a uno spostamento in giornata è, quindi, un’occasione da cogliere al volo: occorre peraltro che ciascuno faccia la sua parte. 

 

Leggi tutto: Bergamo, un piccolo grande scrigno

Alla scoperta di una Torino 'esoterica', tra occulto, fede e simboli massonici

E’ una Torino segreta, in bilico tra fede e occulto, verità e leggenda quella che si cela dietro i numerosi richiami simbolici che solo un occhio attento può cogliere visitando i luoghi storici più conosciuti.

Un itinerario suggestivo e insolito, fuori dai circuiti turistici di massa, per scoprire una città esoterica, da sempre legata alla massoneria. Un percorso a piedi che parte da piazza Castello, cuore storico, politico e religioso di Torino e che tocca monumenti e piazze famose. La prima tappa è l’enigmatica chiesa (senza facciata) di San Lorenzo, capolavoro architettonico di Guerino Guarini che da buon massone riempì di simboli tanto la Real Chiesa che la Cappella della Sindone. La costruzione  è legata alla battaglia di San Quintino, nelle Fiandre. Per adempiere un voto per la vittoria ottenuta,  Emanuele Filiberto di Savoia fece erigere la chiesa. Appena entrati c’è la scala Santa (12 scalini) al termine della quale si accede all’altare dove era custodita la Sindone (esposta per la prima volta nel 1694), prima che fosse trasferita in Cattedrale. Entrati in chiesa colpisce il richiamo ottagonale di tutta la struttura. Otto è un numero massone, ma nella simbologia  dei primi cristiani significa rinascita. Nelle date dei due equinozi (21 dicembre e 21 giugno) per un gioco di luci riflesse vengono illuminate le cappelle del Battesimo e di Cristo Padre.

Leggi tutto: Alla scoperta di una Torino 'esoterica', tra occulto, fede e simboli massonici

Pagina 2 di 2

E' online il nuovo web, pieno di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità! Leggi l'ALBERGO

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

 

 

 

Joomla templates by Joomlashine