Vacanze in campeggio: il 2016 sarà l'anno degli olandesi e del Sud Italia

aL'arrivo del 2016 segna l'inizio di una nuova stagione per i campeggi italiani ed i villaggi italiani che, archiviato un 2015 con segno positivo, si apprestano ora a raccogliere le prenotazioni di un'annata ancor più incoraggiante nelle attese. Un ottimismo che nasce dal trend positivo del turismo en plein air, capace di contrastare l'insidia delle crisi grazie alla capacità di sedurre i viaggiatori stranieri e di innovare con servizi come il Glamping, l'ormai famoso campeggio di lusso.

Leggi tutto: Vacanze in campeggio: il 2016 sarà l'anno degli olandesi e del Sud Italia

Bologna tra le sei città top del turismo europeo

aBologna, assieme a Parigi, Riga, Valletta, Budapest e Stoccolma è tra le sei città europee scelte dal settimanale femminile inglese “Grazia” come meta ideale per brevi soggiorni nel 2016. L’articolo, firmato dalla reporter Elizabeth Atkin, è stato pubblicato il 13 gennaio nella versione online della rivista (un milione e 61.089 visitatori unici mensili). Se Parigi è la migliore città per lo shopping, Riga per la cultura, Valletta per il sole d’inverno, Budapest per i viaggiatori low cost e Stoccolma per chi ha un’alta capacità di spesa, Bologna è invece la destinazione ideale per i buongustai.

Leggi tutto: Bologna tra le sei città top del turismo europeo

La variegata offerta tra sci e gastronomia della Valle Isarco

aIn Valle Isarco, con un inverno 2015-16 così avaro di neve naturale, se lo sci diventa quasi un optional, da Vipiteno fino a Bressanone e Chiusa c’è un panorama vastissimo di altre opportunità culturali o outdoor, in attesa delle nevicate ‘vere’ sui 151 km di piste nelle 5 stazioni sciistiche di Ladurns, Racines-Giovo, Vipiteno-Monte Cavallo, Maranza-Valles e Plose. Anzi, c’è un motivo in più per non crucciarsi troppo della neve non abbondante, e visitare la Valle Isarco a prescindere: la Valle Isarco, infatti, forte di una ultrasecolare vocazione alla gastronomia, alla vitivinicoltura e all’accoglienza in genere, può esibire la più alta ‘densità’ di riconoscimenti in Italia ottenuti nelle Guide dei vini in rapporto alla superficie vitata, nonché una serie di ristoranti di alta qualità, sancita dalle ‘stelle’ Michelin (2 stelle ciascuno per 2 ristoranti: Einhorn a Mules e Jasmin a Chiusa). E a proposito di ristorazione: da segnare subito in agenda uno degli eventi culinari più storici d’Italia, e cioè le ‘Settimane della Buona Cucina della Valle Isarco’ (Eisacktaler Kost), alla 44° edizione dal 4 al 20 marzo 2016 in 21 ristoranti, con il tema conduttore della sostenibilità e della sana alimentazione.

Leggi tutto: La variegata offerta tra sci e gastronomia della Valle Isarco

Il Prosecco è il 'consensus maker' per stare insieme in allegria nelle feste di Natale

a

Il Prosecco è un vino dalle tante anime. Piace per il suo gusto e per la sua capacità di essere conviviale, di far stare bene le persone intorno a sé. Amato per il suo tono allegro e allo stesso tempo capace di generare intimità (intimacy); per la sua sapienza nel generare vicinanza (nearless) tra le persone; per la sua compostezza nel costruire un’atmosfera calda e simpatica tipica del focolare (hearth), della famiglia riunita per godersi pace e un po’ di serenità. È un vino che sa essere chic quando è necessario, formale quando deve accompagnare una cena importante; soavemente romantico quando deve unire due cuori, glamour quando deve parlare dello stile delle persone che lo bevono.

Leggi tutto: Il Prosecco è il 'consensus maker' per stare insieme in allegria nelle feste di Natale

Guida Michelin 2016: le 24 nuove stelle e il panorama della cucina italiana

aL’edizione 2016 della noto Guida rossa Michelin presenta non poche novità, a testimonianza della crescita della nostra ristorazione, anche quella a prezzi contenuti se garantiscono qualità dei prodotti, gusto e abilità nella preparazione dei piatti e nella combinazione dei sapori, cucina rivelatrice della personalità dello chef, rapporto qualità/prezzo e continuità nel tempo e nel menu. Da sempre, le stelle orientano il viaggiatore. Un ristorante su cui brillano tre stelle “vale il viaggio”, due stelle “merita una deviazione”, una stella è “un’ottima cucina”.

Leggi tutto: Guida Michelin 2016: le 24 nuove stelle e il panorama della cucina italiana

Pagina 25 di 32

Leggi online il nuovo web, ricco di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità!

a

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine