Verona: l'Arena Opera Festival vi aspetta per un'estate spettacolare

aAssistere a uno spettacolo all’Arena di Verona è l’occasione perfetta per andare alla scoperta di una delle città più belle d’Italia, specie se lo spettacolo è tra quelli in cartellone per il Festival lirico 2015. La Fondazione Arena di Verona infatti sta preparando un’edizione imperdibile dell’Arena Opera Festival, con le opere più amate e più monumentali di oltre un secolo di storia areniana in scena per 54 serate dal 19 giugno al 6 settembre 2015. Alla serata inaugurale del 19 giugno l’Arena di Verona accoglierà Nabucco di Giuseppe Verdi nella messa in scena di Gianfranco de Bosio: un palcoscenico perfetto per un’opera che coinvolge complessi artistici così numerosi e scenografie così imponenti.

 

Leggi tutto: Verona: l'Arena Opera Festival vi aspetta per un'estate spettacolare

Vittorio Sgarbi presenta sul Garda 'La parola alla Pittura' dell'artista Renzo Biasion

bIl Comune di Torri del Benaco (Vr) dedica una mostra antologica a Renzo Biasion, pittore, scrittore e giornalista che qui ha vissuto e lavorato per molti anni. La retrospettiva - inaugurata la sera di venerdì 5 giugno da Vittorio Sgarbi che ha scritto per l’occasione un pezzo critico sul pittore veneto - presenta una quarantina di dipinti a olio realizzati dall’artista dagli anni Quaranta agli anni Ottanta: interni, notti, paesaggi del lago e non, periferie. “Il Comune di Torri del Benaco gli dedica quest’omaggio nel centenario della sua nascita - sottolinea il ViceSindaco e assessore alla cultura Donatella Bertelli - perché egli ha lavorato molto sul Garda, lo ha fatto conoscere attraverso i suoi quadri ed i suoi scritti su vari quotidiani. In molti elzeviri in terza pagina de L’Arena e del Resto del Carlino amava descrivere luoghi e personaggi caratteristici di Torri e del lago, con le perle che il Garda sapeva offrire ad un turismo colto, internazionale”. 

Leggi tutto: Vittorio Sgarbi presenta sul Garda 'La parola alla Pittura' dell'artista Renzo Biasion

Kazakistan, paese delle steppe sconfinate

kPer quanti sono alla ricerca delle destinazioni insolite, dove i rari visitatori possono essere ancora accolti e festeggiato come ospiti d’onore, si aprono le frontiere di una nuova meta turistica, fino ad ora frequentata solo dagli uomini d’affari. E’ il Kazakistan, la più estesa, prospera e progredita delle repubbliche dell’Asia centrale resesi indipendenti nel 1991 dall’ex Urss. Grande quanto l’intera Europa occidentale si presenta come un enorme bassopiano steppico arido e semidesertico che dalla sponda orientale del mar Caspio, il maggior lago salato del pianeta, si estende fino ai confini con lo Xinjiang cinese, dove si eleva ai 7.000 metri della catena del Tian Shan e ai 4.000 dell’Altai mongolico, dopo aver confinato a nord con gli Urali e la Siberia russa, a sud con Turkmenistan, Uzbekistan e Kirghizistan.

Leggi tutto: Kazakistan, paese delle steppe sconfinate

Arte&Cibo conquista con il gusto e con gli occhi

aSi è chiusa con successo la prima edizione di Arte&Cibo, evento culturale ed enogastronomico organizzato dal Club dei Sapori tenutosi il 16-17 maggio scorsi a Pieve di Cento, in provincia di Bologna, al Museo Magi’900 e in altre sedi comunali. Per due giorni ed una notte si sono susseguiti a pieno ritmo eventi culturali ed enogastronomici tra i quali: ‘Da mangiare con gli occhi’ mostra di opere d’arte contemporanea dedicata all'estetica degli alimenti in collaborazione con le Accademie di Belle Arti di Bologna e di Ravenna, gli show cooking di alta cucina, l’incontro tra esperti sul tema ‘Arte e ristorazione’, gli eventi nella ‘Notte dei Musei’,il convegno sull’Agricoltura sostenibile mirato al mondo agricolo, le degustazioni gastronomiche con la presenza dei panificatori bolognesi con i loro migliori prodotti, gli interessanti abbinamenti cibo-vino con le cantine ed i produttori presenti e la visita condegustazione ad una torrefazione artigianale di caffè.

Leggi tutto: Arte&Cibo conquista con il gusto e con gli occhi

Expo 2015, è iniziata la magnifica realtà

Infine il 1° maggio come da copione la grande nave di Expo 2015 è salpata. L’esercito degli espositori e degli addetti varcando i cancelli forse non si è reso conto di vivere un tipico miracolo del nostro Paese: raggiungere il traguardo anche se con il fiatone non tanto e non solo per le difficoltà oggettive, quanto per dover superare e vincere quel senso di scetticismo che molto spesso caratterizza l’atteggiamento di chi ritiene che essere intelligenti (o apparire tali) significhi fare in continuo critiche distruttive. È vero che le critiche sono alla base di ogni miglioramento, ma devono essere propositive (sono molto più difficili e danno molto meno popolarità). Resta l’amarezza verso una classe dirigente che in parte non ha saputo per tempo evitare che un gruppetto di manigoldi infangasse l’immagine del Paese e il serio, onesto e duro lavoro dei tanti (dalle maestranze ai dirigenti) che hanno creduto e si sono ‘fatti in quattro’ per vincere questa scommessa che non riguardava una città o una filosofia politica o economica, ma l’immagine del Paese in un momento in cui ogni incrinatura può essere dannosissima.

Leggi tutto: Expo 2015, è iniziata la magnifica realtà

Pagina 29 di 35

Leggi online il nuovo web, ricco di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità!

a

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine