Da dicembre la ‘normativa Ue’ impone regole “impossibili” su menu e cibi d'asporto

cAlimentazione e allergeni: dal 13 dicembre tutto, ma proprio tutto, dovrà essere etichettato. Dovranno farlo non solo le aziende che producono e imballano, ma anche quelle che cucinano e somministrano: mense, bar, ristoranti, pizzerie, agriturismi, ospedali, treni, aerei, navi, pasticcerie, panifici dovranno adeguarsi alla normativa europea che entrerà in vigore contemporaneamente in tutti i Paesi dell’Unione e specificare per iscritto la presenza di ingredienti allergeni.

Confcommercio Veneto ha sollecitato la Presidenza del Consiglio e i ministeri dello Sviluppo Economico e della Salute a predisporre urgentemente un decreto, che introduca l’alternativa dell’informazione verbale a quella scritta negli alimenti non pre-imballati, comunicandola alla Commissione Europea, e lanciato l’hashtag #staiserenoallergene#.

Leggi tutto: Da dicembre la ‘normativa Ue’ impone regole “impossibili” su menu e cibi d'asporto

L’altro Egitto: deserto e incognito tra Nilo e oasi

eLa quasi totalità del territorio egiziano (94%) risulta occupato da un deserto arido e improduttivo formato da brulli rilievi montuosi e da enormi distese di dune sabbiose che iniziano appena oltre le verdi sponde dove si concentrano la stragrande maggioranza della popolazione e le attività produttive del paese. Subito ad occidente del Nilo si estende per centinaia di chilometri verso ovest, fino al confine con la Libia e oltre, e poi per un migliaio di chilometri dal Mediterraneo al Sudan e ancora oltre, il mastodontico Deserto Occidentale egiziano, o Deserto Libico, una delle regioni più aride e spopolate del Sahara e della terra.

Oggi, perché fino a 5 mila anni fa, quando il Sahara era verde e bagnato con regolarità dalle piogge, questa era una fiorente savana alberata con fiumi e laghi dove pascolavano animali selvatici e domestici e l’uomo prosperava con la civiltà neolitica, antesignana di quella egizia.

 

Leggi tutto: L’altro Egitto: deserto e incognito tra Nilo e oasi

Un'antologica di Renzo Biasion, pittore di parole e scrittore di immagini

bSabato 6 settembre 2014, al Museo MAGI '900 di Pieve di Cento (BO), si è inaugurata la mostra retrospettiva del pittore Renzo Biasion "Interni - Esterni", che rimarrà aperta al pubblico fino al prossimo 12 ottobre. A 100 anni dalla nascita dell'artista, la mostra antologica a cura di Valeria Tassinari presenta ottanta dipinti a olio realizzati da Renzo Biasion dagli anni Quaranta agli anni Ottanta, con i suoi temi più noti: interni, notti, paesaggi e periferie. Pittore, incisore, critico d’arte e scrittore, Renzo Biasion è molto noto per il suo romanzo Sagapò, che in greco significa 'ti amo', ripubblicato ora da Einaudi proprio per celebrare il centenario della nascita dell’autore, trevigiano di nascita ma di famiglia veneziana. A questo romanzo, che Anna Magnani non riuscì a portare sullo schermo per varie cause, si è ispirato il regista Gabriele Salvatores ed il suo sceneggiatore per il film Mediterraneo, vincitore di un premio Oscar.

Leggi tutto: Un'antologica di Renzo Biasion, pittore di parole e scrittore di immagini

Un romanzo d'amore e di emozioni in terra d'Istria

bNel ciclo di eventi presso il Grand Hotel Presolana, a Castione Presolana, il prossimo 2 agosto verrà presentato questo libro alla presenza dell'autrice Liliana Martissa Mengoli, con Massimo Deyla in qualità di intervistatore. E’ il racconto, questo, di fatti che vanno segnati sul calendario dei romanzi che non si dimenticano. Per certi eventi il tempo non passa in questo romanzo d’amore, di lotte, di sentimenti profondi, di romanticismo e di emozioni, di sentimento e sensualità. Resta immutato come se si appellasse presente. Due giovani e belle protagoniste, Beatrice e Alessandra, si innamorano, entrambe, di uno straniero in terra d’Istria.  Non si tratta di un convitato di pietra, un nemico invece al quale si abbandonano per il fascino che uno sconosciuto sa indurre.

Tutto ciò nel palcoscenico della storia di conflitti noti, ma fra le quinte di sentimenti privati. Il telone di fondo mette in mostra Trieste, Capodistria, Pola, in anni che sono distanti fra loro ma sembrano vicini, dall’Austria “felix” all’Italia ritrovata e perduta. Per l’autrice – bolognese di adozione – l’amore non si fa condizionare dal tempo, fino a quando il delinearsi dei confini accade per mano delle milizie di Tito: inesorabilmente inizia la fuga delle genti per l’esodo. Donne che restano vive fra le radici di una “Borghesia Bella”.

Leggi tutto: Un romanzo d'amore e di emozioni in terra d'Istria

Bolivia, il Tibet americano che vanta molti primati

IndQuando si parla della Bolivia il pensiero va subito al traffico di cocaina, ai mercenari, alla guerriglia e ai colpi di stato. Invece questa nazione riserva al turista attento molti aspetti positivi. La prima cosa a colpire è la grande variabilità ambientale e climatica, che spazia dal freddo delle cime della Cordigliera delle Ande, ad oltre 6.000 metri di altezza, fino all’umidità e al caldo afoso delle giungle tropicali; e poi gli acquitrini e le savane della regione amazzonica e del Pantanal. La popolazione di questo Tibet americano è tra le più pure e incontaminate del continente e nelle vene dei due gruppi autoctoni scorre ancora sangue amerindo, così come all’epoca incaica, risalgono molti usi e tradizioni degli indios, compresi i coloratissimi abiti di lana.

Leggi tutto: Bolivia, il Tibet americano che vanta molti primati

Pagina 33 di 34

E' online il nuovo web, pieno di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità! Leggi l'ALBERGO

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

 

 

 

Joomla templates by Joomlashine