Per una vacanza da brividi… attrazioni ad alta quota

pGli amanti del brivido ad alta quota possono provare una soluzione alternativa rispetto alle classiche mete di montagna per trascorrere le proprie vacanze! Hotels.com, sito leader nella prenotazione di hotel online, ha selezionato le destinazioni che ospitano le attrazioni con le scale più ripide del mondo e, grazie alla sua vasta conoscenza del mondo degli hotel, suggerisce le migliori sistemazioni in cui soggiornare. Un’ottima soluzione per godersi panorami suggestivi e fare un po’ di movimento fisico! 

Leggi tutto: Per una vacanza da brividi… attrazioni ad alta quota

Sulle nevi italiane, tra novità e tranquillità

Per chi ama la montagna invernale febbraio e inizio marzo sono probabilmente l’optimum: anche in un periodo di scarse nevicate e dalle temperature un po’ troppo elevate - come accade in questi anni - la neve c’è quasi sempre, si può dire che se non c’è a febbraio… poveri noi, ci hanno privato anche di una delle componenti più belle e utili della natura. Altro vantaggio certamente non marginale: le tariffe non sono quelle natalizie e gli ospiti godono maggiori attenzioni.

Leggi tutto: Sulle nevi italiane, tra novità e tranquillità

Ecco gli hotel che ripagano al meglio i propri ospiti in Italia ed all'estero

kVisitare una città a Natale o a San Silvestro è il modo giusto per fare colpo, soprattutto se l'hotel e la città scelti hanno molto da offrire. Sulla base delle valutazioni dei suoi circa sei milioni di clienti, il portale di prenotazione internazionale hotel info mostra gli hotel con il rapporto qualità/prezzo migliore e peggiore. In un confronto tra le città più grandi d'Italia, Bologna presenta il miglior rapporto qualità/prezzo (7,96 punti su un massimo di 10). Oltre agli hotel di prima classe, la città universitaria offre numerose attrattive turistiche, come le famose torri (pendenti), le fontane e le meravigliose chiese. Anche Perugia, con 7,90 punti, e Palermo, con 7,60 punti, convinconoDecisamente meno soddisfatti si mostrano gli ospiti degli hotel di Livorno. Con i suoi 6,36 punti, la città portuale dimostra di avere ancora un grande margine di miglioramento, proprio come Roma (7,00) e Venezia (7,06). Milano, con 7,12 punti, si ritaglia una posizione solo di poco migliore. 

Leggi tutto: Ecco gli hotel che ripagano al meglio i propri ospiti in Italia ed all'estero

Da dicembre la ‘normativa Ue’ impone regole “impossibili” su menu e cibi d'asporto

cAlimentazione e allergeni: dal 13 dicembre tutto, ma proprio tutto, dovrà essere etichettato. Dovranno farlo non solo le aziende che producono e imballano, ma anche quelle che cucinano e somministrano: mense, bar, ristoranti, pizzerie, agriturismi, ospedali, treni, aerei, navi, pasticcerie, panifici dovranno adeguarsi alla normativa europea che entrerà in vigore contemporaneamente in tutti i Paesi dell’Unione e specificare per iscritto la presenza di ingredienti allergeni.

Confcommercio Veneto ha sollecitato la Presidenza del Consiglio e i ministeri dello Sviluppo Economico e della Salute a predisporre urgentemente un decreto, che introduca l’alternativa dell’informazione verbale a quella scritta negli alimenti non pre-imballati, comunicandola alla Commissione Europea, e lanciato l’hashtag #staiserenoallergene#.

Leggi tutto: Da dicembre la ‘normativa Ue’ impone regole “impossibili” su menu e cibi d'asporto

L’altro Egitto: deserto e incognito tra Nilo e oasi

eLa quasi totalità del territorio egiziano (94%) risulta occupato da un deserto arido e improduttivo formato da brulli rilievi montuosi e da enormi distese di dune sabbiose che iniziano appena oltre le verdi sponde dove si concentrano la stragrande maggioranza della popolazione e le attività produttive del paese. Subito ad occidente del Nilo si estende per centinaia di chilometri verso ovest, fino al confine con la Libia e oltre, e poi per un migliaio di chilometri dal Mediterraneo al Sudan e ancora oltre, il mastodontico Deserto Occidentale egiziano, o Deserto Libico, una delle regioni più aride e spopolate del Sahara e della terra.

Oggi, perché fino a 5 mila anni fa, quando il Sahara era verde e bagnato con regolarità dalle piogge, questa era una fiorente savana alberata con fiumi e laghi dove pascolavano animali selvatici e domestici e l’uomo prosperava con la civiltà neolitica, antesignana di quella egizia.

 

Leggi tutto: L’altro Egitto: deserto e incognito tra Nilo e oasi

Pagina 33 di 34

Leggi online il nuovo web, ricco di notizie: con un click sei nel mondo dell'Ospitalità!

a

 

 

ok

 

 

 

 

 

 

cs

 

c

 

 

Joomla templates by Joomlashine